" />

Maurice Green si ritira!

Posted by andycop in International

(articolo apparso su yahoo,sport) L'infortunio subito al polpaccio in allenamento lo scorso mese ha inferto il definitivo colpo di grazia alla carriera di Maurice Greene, l'uomo più veloce del mondo fra il 1999 e il 2002. Nel giugno 1999, ad Atene, Greene fermò il cronometro a 9 secondi e 79 centesimi, segnando il miglior tempo di sempre sui 100 metri. Un record durato fino al 2002, quando Tim Montgomery migliorò quella prestazione straordinaria di un solo centesimo, per poi essere squalificato per l'utilizzo di sostanze dopanti. L'attuale record del mondo è di Asafa Powell, che a Rieti, nel 2007, ha ulteriormente migliorato la prestazione di Greene di 5 centesimi (9.74). A Pechino, città che in agosto ospiterà i prossimi Giochi Olimpici, il 33enne campione americano ha annunciato ufficialmente il proprio ritiro dall'attività agonistica. "Oggi lascio lo sport. Non ho più la forza mentale per recuperare da un altro infortunio. Mi sento piuttosto abbattuto, depresso. È l'anno delle Olimpiadi, un evento a cui desideravo moltissimo partecipare. Ma alla fine ho deciso di rinunciare. È tempo che altre persone brillino al posto mio". Nato a Kansas City nel 1974, Greene è esploso nel 1997 conquistando l'oro nei campionati mondiali di Atene. Dopo aver scritto il suo nome nella storia il 16 giugno 1999 con l'incredibile tempo di 9.79, Greene è stato poi il primo atleta a vincere l'oro nei 100 e nei 200 metri ai Mondiali di Siviglia (agosto 1999). Si è poi ripetuto l'anno successivo, ai Giochi Olimpici di Atene del 2000, con l'oro nei 100 metri e nella staffetta 4x100. Gli infortuni iniziarono quindi a frenargli la carriera: prima nel 2002, poi nel 2005, poi ancora nel 2007. Alle Olimpiadi di Atene 2004 ottenne soltanto il bronzo nei 100 metri e l'argento nella staffetta 4x100. "Ho moltissimi bei ricordi", racconta Greene. "La mia prima medaglia olimpica, il mio primo oro ai mondiali, l'aver battuto il record sui 100 metri. Grandissime imprese, che mi rimarranno sempre nel cuore. Desideravo essere il migliore di sempre, e ci sono riuscito". In carriera Greene ha corso i 100 metri sotto il muro dei 10 secondi per ben 52 volte.

Commenti? | Feb 04, 2008

Tadese vince la cinquemulini

Posted by linfordbif in Italia

Cinque Mulini: vittoria di TadeseZersenay Tadese vince la 76.a edizione della Cinque Mulini. Il campione del mondo della specialita`, si e` aggiudicato la storica corsa campestre di San Vittore Olona. Tadese ha coperto i 10.200 metri del tracciato in 31`06``, staccando di 16`` il keniano Eliud Kipchoge. Terza piazza per l`altro keniano Matthew Kisorio, che ha chiuso a 1`02``. Gian Marco Buttazzo ottavo a 2`10`` e´il miglior italiano. La prova femminile di 5 chilometri, se la e´aggiudicata la keniana Pauline Korikwiang (19`54``), che ha preceduto di 7`` l`irlandese Fionnuala Britton e di 11`` l`italiana Fatna Maraoui. ( Fonte Datasport)

by andycop: a margine della notizia fornita da linfordbif, ci tengo a sottolineare il quinto posto del mio amico Jamel Chatbi.  Jamel, nazionalità marocchina, classe 1983, ma residente a Castelli Calepio (BG) sin praticamente dalla nascita ha vissuto in Italia. Ragazzo dalle doti incredibili, sino a 2/3 anni fa lavorava come tornitore dalle 6 del mattino sino al pomeriggio inoltrato, per poi andarsi ad allenare. Oggi è un incredibile professionista, che sta cercando di prendere la nazionalità italiana, in modo da poter rappresentare il nostro paese alle prossime Olimpiadi. Mentre in altri paesi si assiste sgomenti alle facili naturalizzazioni di super-atleti, in Italia anche atleti dotati come Jamel non solo non vengono favoriti in questo senso (nonostante i requisiti per ottenere la cittadinanza), ma addirittura ci si disinteressa di loro, da parte di una Federazione che funziona tal-quale la Casta Politica che ci rappresenta in parlamento. Jamel ha corso l'anno scorso 8'32" sui 3000 siepi... quanti italiani sono in grado di correre con quel tempo....? 

3 commenti | Feb 04, 2008

E alla fine irruppe Saraceni: 49"95 sui 400 ad Ancona

Posted by andycop in Mondo Master

Alla sua seconda gara, dopo un 400 di assaggio corso una decina di giorni fa, Enrico Giorgio Saraceni fa parlare di sè. Finalmente. 400 metri corsi ad Ancona in 49"95, che nell'AGC valgono 95,12%, cioè la terza prestazione parziale dell'anno tra tutti i master italici. Mi sono congratulato via sms, ricevendo questo criptico messaggio "a questo punto in Francia batto il record...". Ad intenditor poche parole. Nella stessa gara, ancora colpita da ritardi che alcuni atleti hanno definito "scandalosi" (non mi è dato di sapere le cause degli ennesimi rinvii che caratterizzano le riunioni marchigiane), ottimo 50"73 di Massimiliano Poeta, che rende ancora più gustoso il proseguo della stagione italiana in chiave M35 nei 400. Nel frattempo a Castenedolo si è messo in luce l'ennesimo M45 nei 60 metri: Tiziano Giovanni Crippa, che ha corso in 7"68. Segnalo l'ottimo 1'05"60 della F50 Anna Pagnotta (seconda miglior prestazione italiana femminile italiana del 2008, dietro la Soranzo). Edgardo Barcella mi ha segnalato anche il 7"12 dell'M35 Paolo Chiapperini (che al momento non compare ancora nelle classifiche fidal). Nel frattempo, dai risultati della riunione di Rieti, emerge l'inaspettato: e cioè che Paolo Chiapperini non è un uomo in fuga tra gli M35: infatti ti trovo il 7"13 del 37enne Renato De Angelis (dopo un 7"21 in batteria), che di fatto complica il pronostico per Ancona (chiaramente se saranno presenti entrambi alla massima manifestazione nazionale). Altro forumista in prima pagina: il saltatore  in lungo, l' M35 Cristian Salvadori balza a 6,42, che di fatto è secondo master in circolazione dopo il 6,60 di Roberto Bonvicini di una settimana fa. Superbo 58"22 della nostra forumista Serena Monachino (sere). Dalla Svizzera, Macolin, invece, 26"95 di Emanuela Baggiolini. Insomma, fuochi d'artificio dai masters, e siamo ancora ad una cinquantina di giorni da Clermont!

Commenti? | Feb 03, 2008

Castenedolo: il ritorno di Fausto Frigerio. 8"87 e 8"88 sui 60hs

Posted by andycop in Mondo Master

Ho appena avuto una lunga conversazione con il "toro" Fausto Frigerio M40 (nostro forumista e tesserato per la Pol. Capriolese), che alla prima uscita a Castenedolo ha stampato un più che ottimo 8"87 sui 60 ostacoli. Diciamoci la verità: avevamo tenuto segreta l'uscita per non alimentare troppa curiosità. Fausto, nella telefonata citata, mi ha ricordato che erano più o meno 15 anni che non faceva una gara di ostacoli indoor (personale di 7"79 ai tempi della Snia Milano nel 1988... 20 anni fa! 13° tempo italiano all-time), e vista la sua impossibilità di allenarsi su una pista vera (sembra che si stia allenando su un budello in asfalto) con gli ostacoli, il viatico è dei migliori. Inoltre alla gara di Castenedolo gli ostacoli erano a 1,06 mentre nelle rassegne master, scenderanno a 0,99. Finalmente un degno avversario di Petroncini che quest'anno ha già corso tre volte in 8"70. Nella medesima riunione indoor, Edgardo Barcella mi ha segnalato il 7"04 e 7"11 di Michele Paggi e il 7"21 di Marco Giacinti (altro forumista, "markino"). Nelle prossime news, il racconto dettagliato dei risultati.

4 commenti | Feb 03, 2008

Macolin: Baggiolini vicina al record F35 dei 400

Posted by andycop in Mondo Master

Ho ricevuto notizia direttamente da Emanuela del suo 57"80 sui 400 ottenuto oggi a Macolin. (Svizzera) Grande tempo, soprattutto pensando che il record italiano F35 è lì vicino... 57"31 di Carla Barbarino ottenuto nel 2004. Poi, lo sa benissimo chi li corre e chi li ha corsi: in un 400 mai nulla è scontato. Nella stessa riunione l'intramontabile Monica Pellegrinelli ha avvicinato il suo record mondiale F40 dei 60HS (8"71 contro gli 8"66 dell'anno scorso). Christine Muller (classe 1958, F50) 9"28 e 9"36 sempre sui 60HS. Ora, qui ci troviamo di fronte ad una prestazione monstre: essendo del '58, quest'anno compirebbe 50 anni. Se li ha già compiuti, la svizzera avrebbe demolito il record europeo di 9"75 della spagnola Maria Jesus Sanguos... e soprattutto, sarebbe il nuovo record del mondo F50, battendo il 9"38 del mostro sacro Philippa Raschker.

1 commento | Feb 02, 2008

Meeting di Modena: Fornesi a due centesimi da D'Oro, 7"39

Posted by andycop in Mondo Master

Io ve lo dicevo: la sfida tutta M45 tra Giancarlo D'Oro e Ferido Fornesi continua imperterrita. Avevamo scritto del record di Giancarlo a Saronno (7"37) di domenica scorsa, che non è tardata l'imperiosa risposta di Ferido a Modena: 7"39! Dopo il record italiano di D'Oro, Fornesi pareggia il precedente record di Salvino Tortu, creando un trittico delle meraviglie (insieme, con Massimo Clementoni, Campioni del Mondo della 4X100). Tra l'altro il tempo di Fornesi lo colloca nella mia speciale classifica al 3° posto, dietro ad Antonio Rossi e all'omnipresente D'Oro. A Modena si è rivisto Marco Segatel (altro M45) fermatosi nel salto in alto a 1,95 e tre nulli alla successiva quota di 2,00. Altre superprestazioni da parte dell'M35 (ma qualcuno gliel'ha detto?) Mauro Rossi (classe 1973), che centesimo dopo centesimo, è giunto a 8"22 nei 60 ostacoli. Alessandro Petroncini (M40) sempre negli ostacoli ha doppiato l'8"70 (corso ormai 3 volte quest'anno). Fortunatamente qualche donna-master al via: immancabile la F40 Susanna Tellini, con il suo 8"37 nei 60, e anche la F35 Barbara Valdifiori (8"18). Per il resto, i 60 metri sono stati vinti da Enrico Prà Floriani (6"93), davanti a Roberto Marangon (6"97). Si è rivisto Andrea Rabino (in batteria 7"13) e comunque alcuni militari un pò fuori forma... Tendi (FFOO) 7"13, Riva (Carabinieri 7"03). Nei 60hs ha vinto Nicola Comencini con 8"04, anche se ad onor del vero, in batteria si è registrato l'unico under-8" (l'albanese Elton Bitincka con 7"99). Nel salto in alto 2,03 di Gian Luca Goldoni. Sui 60 piani femminili ha vinto la lecchese Arianna Meles (7"78), mentre si è rivista Margaret Macchiut (l'anno prossima master F35!) che ha vinto con un buon 8"45, superando la valtrumplina Sara Balduchelli (8"60).     

1 commento | Feb 02, 2008

Un grandissimo Schembri a Saronno: 16,92 nel triplo

Posted by andycop in Italia

Ho dovuto guardare un paio di volte prima di accertarmi che fosse proprio così: sembra infatti che Fabrizio Schembri (dei Carabinieri) abbia saltato la notevole misura di 16,92 nel salto triplo durante il meeting indoor che si è svolto ieri a Saronno. La pedana deve essere particolarmente reattiva se anche il secondo, Michele Boni (Aeronautica) ha saltato 16,23. Fabrizio Donato, martedì aveva saltato "solo" 16,48 all'incontro di Ancona. Non ho resistito alla tentazione, e ho guardato dove si collocherebbe questo risultato a livello mondiale, quando ancora l'attività 2008 è solo agli albori: ebbene, sarebbe quarto, dietro al 17,11 di Nelson Evora, il 17,06 di Phillips Idowu e il 17,02 di Yevgeniy Plotnir. E soprattutto primo dei non-17. A 16,89 c'è Kenta Bell (il redivivo). Sempre più motivato a capire lo spessore del risultato di Schembri, sono andato sul sito della Fidal per guardarmi le liste all-time italiane nel salto triplo. E c'ho fatto l'ennesima brutta scoperta che riguarda la gestione delle statistiche da parte della Federazione: sono aggiornate a marzo 2006... pazzesco. Or bene, mi sono cercato i risultati del 2007, e posso dire che Schembri ha fatto il proprio PB indoor, migliorando un 16,52, e collocandosi al 4° posto all-time italiano, dietro a 17,33 di Fabrizio Donato, il 17,32 di Paolo Camossi e il 16,93 di Dario Badinelli. Un solo centimetro sotto la "storia" del triplo (a mio modestissimo modo di vedere, non me ne vogliano Donato, Camossi e Gentile, ma Badinelli per la sua incredibile regolarità di risultati rimane il miglior triplista italiano di sempre... che ne dici Nouchi?). Mi sono preso pure la briga di vedere quanto avesse all'aperto Schembri: 16,86 ottenuto a Busto Arsizio nel 2006. Insomma miglior risultato di sempre. Nel corso della medesima riunione a Saronno, si è avuto il 4,20 di Elena Scarpellini, nel novero delle tre migliori saltatrici italiane: pensare che il resto del mondo sta viaggiando molto più in alto fa un pò specie e ci fa sperare nella nascita di un fenomeno per la legge dei grandi numeri più che per indotte metodologie. Ma almeno qui, la prima master, la USA Stacy Dragila è solo a 4,11.

Commenti? | Feb 02, 2008

Allenamento per gli sprinter

Posted by andycop in Training

Un vero sito che si rispetti e che parli di atletica non può omettere di trattare i metodi di allenamento! Ecco quindi che navigando a vista su internet mi sono imbattuto in un file .pdf sul sito Fidal. In intestazione c'è scritto "L'allenamento degli sprinter junior, proposte per l'anno 2007" di Antonio Laguardia e collaboratori. Lo confesso: un piccolo sorriso mi ha increspato le labbra: Laguardia ha dei collaboratori?? Scherzi a parte, anche per chi è alle prime armi, il documento può trovare molto illuminante, più che per la filosofia intrinseca, sia per i metodi di periodizzazione, sia sulla necessità di porre degli obiettivi temporali e su quelli pianificare la stagione. Sarebbe interessare sapere quali sono stati i risultati di questa metodologia e su quali atleti è stata sperimentata. Un appunto: gli schemi che appaiono nel file, sono molto simili a quelli che mi forniva il Prof. Uguagliati quando mi allenavo a Padova negli anni '90. Ma probabilmente in fidal hanno tutti il medesimo programma software... clikkate sul titolo per accedere alla pagina con l'allegato.

Partecipa alla discussione sul nostro forum!

3 commenti | Feb 01, 2008

Per Jeff Hartwig altro record del mondo M40: 5,65

Posted by andycop in Mondo Master

(fonte masterstrack.org) Jeff Hartwig continua a stupire il mondo. Io la frecciata a quelli che dicono che i master sono gli amatori che devono finanziare le federazioni affinchè le giovani generazioni possano crescere bene la devo tirare, soprattutto quando sento che un 40enne salta 5,65 con l'asta). Nell'AGC il risultato vale 101,64... cioè 6,24!!! Per tornare nei nostri confini, al momento il miglior italiano è Giorgio Piantella (5,42 a Vienna martedì, che, a dire il vero, dalla squalifica di Giuseppe Gibilisco, è probabilmente uno dei migliori risultati degli ultimi anni). Nel 2007, in Italia il solo Gibilisco aveva superato una sola volta i 5,65, con il 5,70 ottenuto ad Atene a luglio). Cosa si desume da tutto questo? Che forse la scuola dell'asta italiana (a parte un solo interprete), se mai è esistita, è ancora all'asilo. Jeff Hartwig è all'Università.  

Commenti? | Feb 01, 2008

L' atleta master della III settimana (21-27 gennaio): Giancarlo D'Oro

Posted by andycop in Mondo Master

Questa settimana il compito è stato assai arduo. Due atleti hanno ottenuto il record italiano (Emanuela Baggiolini quello degli 800 F35 e Giancarlo D'Oro quello dei 60 M45). Devo scegliere bene le parole, dovendo fare una scelta... perchè Giancarlo? Solo per il fatto che la prestazione intrinseca, quindi l'unico metodo per valutare due prestazioni in maniera asettica (e soprattutto rimanendo equidistante da due miei amici!!) è superiore a quella di Manuela. Certo il 2'14" di Emanuela è già tempo di tutto rispetto a livello assoluto, figuriamoci tra i master! Poi l'abbattimento del precedente limite di 3"! Ecco, tutto questo ci fa dire che Emanuela avrà molto spazio per riscrivere la storia dei record master F35, quindi cominciamo a dispensare le briciole agli altri master! D'altra parte Giancarlo ha abbattutto un tempo detenuto da un monumento dei master italiani, Salvino Tortu, lasciando presagire ulteriori miglioramenti. Quindi lode a D'Oro e superbrava ad Emanuela.

Gli altri vincitori:

  1. I settimana MARCO BOGGIONI, M40
  2. II settimana LUCIA SORANZO, F60
  3. III settimana GIANCARLO D'ORO, M45
1 commento | Feb 01, 2008

La settimana dei master: Antonaci e Clementoni

Posted by andycop in Mondo Master

Sono in debito del commento di alcuni risultati ottenuti dai master nelle ultime indoor: volevo aspettare i risultati del 24 di Mantova (ma, diamine, è passata una settimana, e ancora nulla...), oltre a quelli di Iglesias. Ergo, tengo ancora in sospeso il 7"16 di Gianni Puggioni e il 7"43 di Giancarlo D'Oro (risultati che si inserirebbero nei primi 10 dell'anno). Andiamo all'indietro e partiamo da Ancona, questo martedì. Sugli scudi, sarò malato, vedo ancora i velocisti M45. Non solo D'Oro, Fornesi e Tortu... ma molti altri. Fernando Antonaci, per esempio, classe 1959, che ha corso i 60 piani in 7"80 (91,93%). Uno dei pochi over-90% delle ultime riunioni. Assume quindi valore il 7"45 di Eugenio Cicero (1969) che totalizza 89"42. Nel triplo miglior prestazione di un master nell'anno di grazia 2008, ottenuta da Luigi Primiceri (1963) che salta 11,50. Nel frattempo sono pervenuti i risultati di Aosta (domenica 27): miglior risultato tecnico, secondo i miei canoni valutativi, Massimo Clementoni con il suo 7"85 (91,35). Questo risultato dell'ennesimo M45, disegna un quadro qualitativo dei 60 metri MEDIAMENTE superiore alle altre categorie. Pensate: al momento, negli 60 M45 registriamo una pletora di atleti che avrebbero totalizzato più del 90% dell'AGC, cioè un risultato di prima grandezza: Giancarlo D'Oro (95,24), Ferido Fornesi (94,09), Maurizio Ceola (92,60), Fernando Antonaci (91,93), Massimo Clementoni (91,35), Giulio Morelli (90,74) e Tiziano Crippa (90,27). E manca Salvino Tortu... Quindi SETTE atleti sopra il 90%. Per intenderci, l'altra più grande categoria master, gli M40, al momento vanta solo 3 atleti sopra la deathline del 90% (Gianni Puggioni, Marco Boggioni e Max Scarponi). 3,90 di asta ad Udine di Luca Pascoletti (M40) e il 4,00 di Alessandro Beda (M35). Prossimo aggiornamento con il Master della III Settimana.  

Commenti? | Jan 31, 2008

I misteri del record del mondo M35 del salto in alto...

Posted by andycop in Mondo Master

Di Ken Stone abbiamo detto tutto. Nella sua intervista (presente nell'apposita sezione), avevo dato poco peso ad alcune sue affermazioni sulla necessità che la WMA (la Federazione Internazionale Master) mettesse vigorosamente mano alla questione dei record mondiali di categoria. Mi dicevo: bè, che problemi possono mai esserci? Uno fa una prestazione migliore, e... tac, ecco il record del mondo. Ho scoperto che in realtà non è così. Sentite questa storia. Ken Stone, vagando sulla rete, scopre che in Slovacchia Dragutin Topic (chi non se lo ricorda? Campione Europeo a Spalato '90 di salto in alto quando ancora era giovanissimo,,, la scheda di Nouchi Siveschi) salta 2,27 indoor. "Record del Mondo M35!", (tra l'altro limite-B per le Olimpiadi di Pechino) gridano in Slovacchia. Ora, per la WMA esiste anche il 2,27 di Cristian Popescu del 1998... e sono due. Ma c'è dell'altro: Charles Austin, il saltatore americano, saltò nel 2003 (quando aveva 35 anni) 2,30, ma siccome la categoria M35 fu approvata solo nell'estate successiva al salto, quel salto da record non fu mai omologato. La critica? Che non possono essere i giornalisti a scrivere i record del mondo, ma bensì un organo ben definito della WMA, cui evidentemente non interessa ratificare i record. Inoltre forse sarebbe il caso di studiare dei protocolli cui uniformarsi: dai record, alle categoire. Non è possibile che alcune federazioni applichino categorie "sfasate" a quella internazionale! Si arriva in diversi casi ai paradossi di correre i campionati nazionali nella categoria superiore a quella dei campionati internazionali! Ma questa è un'altra storia.

Commenti? | Leggi tutto | Jan 31, 2008

Cosimo Caliandro corre Italia-Finlandia

Posted by linfordbif in Italia

Italia-Finlandia: in gara anche Cosimo Caliandro(Fonte Datasport) Il Direttore tecnico azzurro Nicola Silvaggi ha pubblicato l`elenco dei convocati per l`incontro assoluto Italia-Finlandia. La attesa sfida internazionale e` in programma sabato prossimo 2 febbraio al Palaindoor di Ancona. Trentasette gli atleti azzurri (18 uomini e 19 donne) chiamati, primo appuntamento per le squadre assolute del 2008. Tra loro il campione d`Europa indoor dei 3000 metri Cosimo Caliandro (Fiamme Gialle, fara` il suo esordio in sala al rientro dopo lo stage sulle alture della Namibia), il primatista italiano di triplo Fabrizio Donato (Fiamme Gialle, sara` impegnato nel lungo), il finalista dei 60 metri agli Euroindoor dello scorso anno Fabio Cerutti (Riccardi), e l`ottocentista dell`esercito Lukas Rifeser (Esercito, 1:48.29 a Monaco il 13 gennaio, crono che gli vale il quarto posto continentale 2008).

Tra le donne grande ritorno in azzurro di Vincenza Cali` (Fiamme Azzurre, 60 metri), per il nuovo impegno nel lungo di Valeria Canella (Fiamme Azzurre, gia` a 6,53 quest`anno, settima piazza europea dell`anno), e per l`esordio in nazionale assoluta della junior Serena Capponcelli (Atletica New Star), che su questa stessa pista, domenica scorsa, ha conquistato il titolo italiano di categoria di prove multiple. Inizio delle gare alle ore 18, precedute, alle 15.30, dalla festa dell`atletica delle Marche.

Commenti? | Jan 29, 2008

La Cinquemulini in salita

Posted by linfordbif in Italia
( Fonte Datasport ) Piu' dislivelli, pozzanghere e fango nella Cinquemulini, la classica internazionale di corsa campestre che si svolgera´domenica a San Vittore Olona.

La pista in terra battuta sara' deviata in parte sugli argini del fiume Olona, per 2.620 metri (2 giri per le donne, 4 per gli uomini) con i passaggi in due mulini ad acqua che obbligano gli atleti alla fila indiana. Fra gli uomini il corridore da battere e' l'eritreo Tadese (FOTO), campione del mondo in carica; fra le donne la keniana Korikwiang.

Commenti? | Jan 29, 2008

La Germania in primo piano

Posted by linfordbif in International

Ferve l'attività in quella che si può considerare la nazione-guida, per quanto riguarda le riunioni indoor: stiamo parlando, ovviamente, della Germania. In campo maschile nei 60m buon risultato del ventenne, grande speranza della velocità, JULIAN REUS, che corre a Dortmund (26/01) in 6"76. L^atleta è il Campione Europeo Juniores in carica dei 100m: conquistò il titolo l'estate scorsa ad Hengelo (Ola). Negli 800mt a Glasgow (26/01) secondo posto per RENE HERMS (26 anni) in gara tattica, con il tempo di 1.50"35. A Potsdam (26/01) nei 3000mt CARSTEN SCHLANGEN (28 anni) ottiene con 7'51"90 il pass per VAL08. In una gara di solo salto con l'asta, a Dormagen (25/01) si mettono subito in luce i migliori atleti della specialità: vince TIM LOBINGER con 5.76mt, che prevale su BJORN OTTO piazzato con 5.70mt. Gareggia, viceversa all'estero, la madaglia di bronzo di OSA07, DANNY ECKER, che a Mosca (27/01), nel 17° Russian Winter Indoor Meeting, salta 5.55mt, con il quale non va oltre l'ottavo posto. Nel getto peso si mette il luce il giovane MARCO SCHMIDT (24 anni) che ottiene la misura di 19.31mt (Sindelfingen 26/01). Minor fermento registriamo in campo femminile: parecchie riunioni, ma di fatto, complessivamente prestazioni con pochi acuti: di fatto assolutamente la migliore atleta del momento è la saltatrice in alto ARIANE FRIEDRICH, che continua a migliorarsi e a Glasgow (26/01) entra nel "mitico club" delle duemetriste: vince infatti con 2.00mt (la serie: 1.84/1 - 1.90/1 - 1.93/1 - 1.96m/1 - 2.00m/2 tre nulli a 2.02). A Sindelfingen nel getto del peso continua a migliorarsi la rientrante CHRISTINA SCHWANITZ, prima con 18.44mt. Concludiamo la panoramica soffermandoci sull'assegnazione dei titoli nazionali indoor di prove multiple. Le gare si sono svolte a Frankfurt (26 e 27/01) ed hanno visto le vittorie di JACOB MINAH (EPTATHLON 5763 punti) e LILLI SCHWARZKOPF (PENTATHLON 4641 punti) (NOUCHISIVESCHI)

Commenti? | Jan 28, 2008

Italiani Indoor di Prove multiple: il vero vincitore č Federico Nettuno

Posted by andycop in Italia

foto tratta dal sito della Fanfulla LodigianaNon me ne vogliano i vincitori di tutte le categorie presenti ai Campionati Italiani Indoor disputati nell'ultimo weekend ad Ancona (dagli assoluti, alle promesse, dagli junior agli allievi). Sarà, ma per me il vero vincitore dei Campionati Italiani è stato Federico Nettuno, classe 1975 portacolori della N.A.Fanfulla Lodigiana. In realtà il buon Federico è giunto 5° a circa 440 punti dal vincitore (il carabiniere Franco Luigi Casiean), ma uno sguardo più da vicino alle prestazioni ci fa capire che razza di atleta è questo 32enne lodigiano. Un particolare non trascurabile per un decathleta: è alto solo 1,65, ma nonostante la statura da velocista questo fenomeno può raccontare cose che nessun umano ha mai visto prima (su tutti l'icosathlon, cioè il doppio decathlon di cui è recordman italiano... una mostruosità da disputare in due giorni e partorita dall'insana mente di qualche nordico, in cui sono previste, oltre alle tradizionali prove, i 200hs, i 5000, i 10000, i 3000 siepi, il martello...). Tornando ad Ancona, Federico ha vinto i 60 con un probante 7"22. Ha vinto pure i 1000 con 2'45". Ciò che mi ha impressionato però è stato l'1,80 di alto, ma soprattutto l'8"68 nei 60HS!!! Incredibile Federico, allenatore di sè stesso, e amante alla follia delle prove multiple, per le quali in più occasioni ha denunciato a squarciagola la mancanza di interesse (dolosa) degli organi federali. Spero venga a dire la sua su questo sito (a proposito di contatti esterni, Emanuela Baggiolini ha risposto al mio richiamo via etere di stamattina... vedrò di intervistarla). Ad Ancona, lo spunto di cronaca, Nettuno a parte, è stata l'assenza dell'unico vero interprete italiano: William Frullani, un'eterna speranza che stiamo tutti aspettando (io personalmente pensavo diventasse una sorta di nuovo Plaziat) ma che una serie interminabile di infortuni ha bloccato a ripetizione (almeno, stando al sentito-dire televisivo). Nello specifico, giusto dirlo, questi i titoli assegnati:

  • Campionessa Italiana Assoluta: Francesca Doveri (Esercito) 4236 punti
  • Campionessa Italiana Promesse: Luisa Costa (GS Valsugana) 3739 punti
  • Campionessa Italiana Juniores: Serena Capponcelli (Atl. New Star) 3722 punti
  • Campione Italiano Assoluto e Promesse: Franco Luigi Casiean PM (Carabinieri) 5404 punti.
  • Campione Italiano Juniores: Stefano Combi (Ginn. Monzese) 4889 punti
4 commenti | Jan 28, 2008

Meeting di Boston: Defar da Record

Posted by linfordbif in International

Meeting Boston: Defar, esordio con il botto(fonte Datasport) Grande esordio stagionale per Meseret Defar al meeting indoor di Boston. L`etiope ha realizzato la migliore prestazione mondiale di tutti i tempi nelle due miglia correndo in 9`10``50. Defar batte il 9`23``38 ottenuto dalla statunitense Regina Jacobs il 27 gennaio 2002. Nella gara maschile l`australiano Craig Mottram si impone con il tempo di 7`34``50. Nei concorsi da segnalare il 4.60 della statunitense Jenn Stuczynski nell`asta e il 20.97 del connazionale Christian Cantwell) nel peso. Sottotono invece la campionessa olimpica e mondiale Carolina Klueft, solo terza nel lungo con un modesto per lei  6.34.

Commenti? | Jan 28, 2008

L'atleta della settimana dal 14 al 20 gennaio (II): Lucia Soranzo

Posted by andycop in Mondo Master

foto tratta da www.tuttopodismo.itNello scegliere l'atleta master della seconda settimana, abbiamo preferito guardare al mondo femminile e ad una mezzofondista: la F55 Lucia Soranzo (nell'anno del transito alle F60). Questo nonostante nell'AGC il velocista M55 Antonio Rossi abbia ottenuto un valore assoluto migliore della Soranzo (95,97 vs 94,75). Ma l'ottenimento di un risultato sui 60 è (relativamente) più facile che in una gara di mezzofondo, indoor, corsa praticamente da sola. In più aggiungiamoci che per Lucia i risultati ottenuti su 1500 e 3000 sono i migliori risultati femminili italiani sino ad oggi. Di più: sono gli unici risultati femminili sopra il 90%! (11'51"29 sui 3000 e 5'48"02 sui 1500). Ho cercato sulla rete qualche notizia sulla Soranzo, per scoprire che, come ogni master che si rispetti, è un vero e proprio personaggio: maratone nei deserti, triathlon, maratone, mezze... adesso anche l'honour di webatletica: atleta della settimana!


I vincitori del riconoscimento "Atleta della settimana"

  1. 14-20 gennaio : SORANZO Lucia, M55 1500 e 3000mt
Commenti? | Jan 28, 2008

La settimana dei master, D'Oro e Baggiolini

Posted by andycop in Mondo Master

La III settimana delle indoor-master si è conclusa con due record italiani (Giancarlo D'Oro nei 60 M45 ed Emanuela Baggiolini negli 800 F35) rendendoci particolarmente difficile scegliere chi sarà l'atleta di questa settimana appena conclusa. La varesina ha ottenuto 2'14"46 ad Ancona giovedì, triturando letteralmente il precedente record di 3 secondini. Sto cercando di contattarla via internet per farmi dare qualche informazione più dettagliata sulla prestazione (sperando si ricordi ancora di me, dopo i fasti dell'anno di grazia 1991 in cui la conobbi in un triangolare junior Italia-Francia-Spagna... entrambi correvamo per l'Italia, naturalmente). Emanuela è sicuramente un valore aggiunto alla categoria master italiana: titolo mondiale a Riccione sui 400hs a parte, la Baggiolini è ancora una delle migliori interpreti assolute (italiane) del giro di pista con ostacoli. Pensate, sopra i 35 anni, con il suo 59"98  Nella classifica mondiale 2007 ha davanti soltanto Tetyana Tereshchuk Antipova (semifinalista e prima esclusa dalla finale mondiale di Osaka l'anno scorso)  e l'icona americana Sandra Glover... E c'è chi pensa che i master siano quelli dai 90 in sù... Altro discorso, invece, merita Giancarlo D'Oro. Il record lo avevamo ampliamento annunciato: persino il coach Salvino Tortu (demiurgo dell'atleta) si era sbilanciato, durante un'intercettazione telefonica con il sottoscritto. Il risultato (7"37 sui 60 mt) è di sicuro valore per una serie di motivi: 1- l'ha corso a Saronno, sulla foam-track... 2- l'ha ottenuto a gennaio; 3- vale molto meno. <segue>

2 commenti | Leggi tutto | Jan 28, 2008

Meeting indoor di Saronno: Berti-Rigo tra Luciani e Tobia

Posted by andycop in Italia

Ho appena letto i risultati del meeting indoor di Saronno (tutti i risultati delle indoor li trovare comunque nell'apposita sezione). SARONNO: Effettivamente nelle prime cronache "lombarde" me ne ero un pò dimenticato, ma ecco qui che spunta il terzo incomodo nella sfida lombarda per lo scettro di sprinter più veloce. Parlo dell'ex vedanese (ora Assindustria Sport PadovaLuca Berti-Rigo, che oggi a Saronno ha piazzato un sontuoso 6"90 (6"97 in batteria), inframezzandosi così tra Andrea Luciani (6"79 quest'anno, e 6"88 ieri a Modena), e Stefano Tobia (6"91). La resa dei conti è rimandata a Genova per i Regionali Indoor. Se passate da quelle parti, fermatevi a dare un'occhiata. Sulla sua scia è giunto in batteria il mio amico Max Dentali (Atl. Riccardi), con 7"00. Non conosco le ragioni di questa prestazione (Max vanta anche un podio nei 60 agli italiani assoluti) che per lui non è certo eccezionale. Parlavo proprio oggi con il velocista albanese Arben Makaj, il quale mi ha riferito di un incontro fugace con Max presso il centro sportivo XXV aprile di Milano. In questo veloce tete-a-tete, Max avrebbe rivelato di ottenere in allenamento in tempi sui 6"5 sui 60, che lo avrebbe quindi portato a proiezioni sui 7"... detto-fatto. Sua intenzione sarebbe infatti "girare" sui 6"3, per poter tornare a sua volta sui 6"80, che valgono l'accesso alla finale degli italiani assoluti. Nella medesima gara, in finale anche il patavino Enrico Pra-Floriani è riuscito ad abbattere la barriera dei 7" (6"99). Confermiamo nel frattempo anche il 7"37 di Giancarlo D'Oro, nuovo recrod italiano master M45. Nella prossima news commenteremo anche questo e dello spessore di un risultato ottenuto su una pista tradizionalmente "lenta". Tra le donne domina Manuela Grillo (7"55 e 7"60): di un paio di decimi più lenta rispetto alle uscite di Sordelli e Calì, per ambire al titolo nazionale. Nel lungo Mattia Nuara stacca 7,37 battendo l'emergente Davide Crosta di 10 centimetri. Quarto l'altro mio amico Davide Lorenzini con 6,93 (in una telefonata di venerdì sera mi aveva confermato un discreto stato di forma, ed un risultato superiore ai 7 metri... peccato). Quasi non vedevo un risultatone; quello del carabiniere Carlo Alberto Mainini, 7"96 e 8"05 nei 60 ostacoli. Ed infine super-Pellegrinelli torna con le sue super prestazioni. Lo ricordo per i più distratti: Monica Pellegrinelli, ticinese, quindi Svizzera, classe 1965 è la primatista mondiale dei 60hs, nonchè dei 100hs, nonchè campionessa mondiale master. Se vi par poco... Ultima news, che mi piacerebbe che fosse confermata del diretto interessato, prima di passarla all'ufficializzazione: Giovanni Puggioni ad Iglesias ha corso in 7"16.   

1 commento | Jan 27, 2008

Record annunciati: Record Italiano M45 dei 60 mt di Giancarlo D'Oro!

Posted by andycop in Mondo Master

In diretta comunico che ad Aosta è appena stato battuto il record italiano 60 mt M45 da parte di Giancarlo D'Oro. 7"37 come comunicatomi dallo stesso coach Salvino Tortu che era il vecchio detentore del record (7"39). Le mie sincere congratulazioni a Giancarlo e Salvino (colui che ha plasmato l'atleta nella sua interezza). Nelle prossime news i dettagli.

1 commento | Jan 27, 2008

L'atleta della settimana dal 7 al 13 gennaio (I): Marco Boggioni

Posted by andycop in Mondo Master

Era un pò di tempo che volevamo indire questo premio: con cadenza (quasi) settimanale, premieremo il miglior master che si è pasrticolarmente distinto nei sette giorni precedenti. La settimana in questione (giunti finalmente i risultati di Napoli) è sicuramente Marco Boggioni, classe 1966 (M40) N.A. Fanfulla Lodigiana, che a Saronno il 13 gennaio ha corso i 60 piani in 7"24. Dalla sua parte anche l'oltre 94% dell'AGC, ma soprattutto il fatto che Marco trova i propri stimoli nello sifdare le giovani generazioni con una professionalità in fatto di allenamenti che non ha pari. (foto tratta dal sito della N.A. Fanfulla Lodigiana).  

1 commento | Jan 27, 2008

Meeting indoor di Rieti e Modena: il ritorno di Chiapperini

Posted by andycop in Mondo Master

Tanto tuonò che piovve. Alla fine Paolo Chiapperini è tornato a far parlare di sè. Il laziale, classe '69 ed M35, quest'oggi a Rieti ha ottenuto due crono da finale Mondiale: 7"11 e 7"16. Con tempi del genere a Linz si arrivava vicini al podio, e per Paolo è solo la prima gara. Non c'è che da migliorarsi, sapendo che chi scenderà sotto i 7" se non sarà oro mondiale, poco ci mancherà. In più titolo italiano praticamente in cassaforte, non avendo visto ancora al momento prestazioni vicine ai 7"20 di altri M35. Infine il 7"11 gli vale l'ingresso nei 10 top-master 2008 nelle indoor (la mia speciale classifica), avendo ottenuto 93,70. A Modena, in contemporanea, Andrea Luciani si è accontentato di un "normale" per lui 6"88 senza nessuno che potesse impensierirlo (il secondo a 7"06). Citiamo nella medesima gara il 7"13 di Michele Paggi e il 7"32 di Marco Giacinti (Markino nel nostro forum). Tornando a Rieti, la gara se l'è aggiudicata Fabio Bellagamba con 7"04 precedendo proprio Chiapperini. Tra le donne ha vinto Jessica Paoletta con 7"73 (7"72 in batteria). I top-master  (in attesa dell'ufficializzazione delle gare di Mantova).

  1. ROSSI ANTONIO 1950 M55 60 7"95 95,97 20-gen ANCONA
  2. PUGGIONI GIOV 1966 M40 60 7"18 94,90 20-gen ANCONA
  3. SORANZO LUCIA 1948 F60 3000 11,51"2 94,75 17-gen ANCONA
  4. BUGIARDINI LIVI 1948 M60 60 8"18 94,55 20-gen ANCONA
  5. BOGGIONI MARCO 1966 M40 60 7"24 94,11 13-gen SARONNO
  6. FORNESI FERIDO 1962 M45 60 7"46 94,09 20-gen FIRENZE
  7. FORNESI FERIDO 1962 M45 60 7"47 93,96 20-gen FIRENZE
  8. CHIAPPERINI PAO 1969 M35 60 7"11 93,70 26-gen RIETI
  9. CHIAPPERINI PAO 1969 M35 60 7"16 93,04 26-gen RIETI
  10. SARACENI ENRICO 1964 M40 400 51"16 92,87 20-gen ANCONA
  11. FORNESI FERIDO 1962 M45 60 7"56 92,84 12-gen FIRENZE
  12. SCARPONI MASSIM 1967 M40 60 7"30 92,66 20-gen ANCONA
  13. CEOLA MAURIZIO 1962 M45 60 7"58 92,60 12-gen PADOVA
  14. SEGATEL MARCO 1962 M45 ALTO 1,95 92,52 20-gen CARAVAGGIO
  15. PETRONCINI ALES 1965 M40 60HS 8"70 92,41 24-gen ANCONA
  16. MORELLI GIULIO 1963 M45 60 (F) 7"58 91,94 12-gen ANCONA
  17. PETRONCINI ALES 1965 M40 60HS 8"79 91,46 12-gen MODENA
  18. PETRONCINI ALES 1965 M40 60HS 8"79 91,46 24-gen ANCONA
  19. SORANZO LUCIA 1948 F60 1500 5'48"02 91,07 20-gen ANCONA
  20. MORELLI GIULIO 1963 M45 60 7"67 90,86 12-gen ANCONA
1 commento | Jan 26, 2008

Fidal: cattivi pensieri (obtorto collo), parte prima

Posted by andycop in Italia

Ho avuto indirettamente la conferma che qualcuno che lavora dentro la Fidal arriva ogni tanto a vedere cosa succede da queste parti. Quindi ne approfitto, ma non per criticare e basta: ma per criticare nella speranza che la critica possa essere lo spunto su cui costruire qualcosa. Oggi voglio riflettere sulla gestione dei dati che fa la Fidal. L'Atletica è per antonomasia lo sport dei numeri: classifiche, ranking, liste, all-time, risultati: ogni aspetto di ogni prestazione che va sotto il nome di Atletica nasce forgiato nei numeri ed è definito da numeri. Nel calcio (il più numeroso degli sport...) i numeri sono solo astrazioni (risultati a parte) e tutto il resto è opinabile (fintanto l'atleta più forte è in definitiva qualcosa che va sotto una percezione e non certo un'inquadratura scientifica). Ora, nell'epoca di internet, guardare quello che fanno le altre federazioni è fin troppo facile. Ritornati su quello che fa invece la nostra federazione nella gestione dei database dei risultati, c'è francamente da rimanere inorriditi. Ad oggi, 26 gennaio 2008, nonostante si siano già avute un 30ina di sessioni indoor in giro per l'Italia (più le innumerevoli su strada), non risulta essere presente ancora nessuna classifica, nessun risultato sul sito Ufficiale della Fidal. Provate ad andare in Fidal.it > Statistiche > Vai alle graduatorie-on-line ... Troverete soltanto l'aggiornamento delle classifiche per gli anni 2005-2006-2007. Sconcertante. Cos'è successo nel 2008? Ad oggi, ufficialmente, non si sa nulla. Ora, provate ad andare a vedere le classifiche on-line di Belgio, Francia, Spagna, Inghilterra (solo per citare quelle dove riesco a muovermi comprendendo qualcosa): è aggiornato tutto praticamente ad oggi! Non solo: le tabelle sono dinamiche (non come l'obrobrio che fornisce il sito fidal), e quando si clikka su un risultato o su un atleta, si può conoscere la scheda dell'atleta, la foto, i risultati della manifestazione, il ranking aggiornato, le classifiche aggiornate... TUTTO. In Fidal.it, no, desolatamente, no. Così, per sapere i risultati delle varie manifestazioni, bisogna navigare ore e ore su tutti i siti "istituzionali" regionali della Fidal per raccattare i vari risultati: nella nostra sezione qui a sinistra (risultati) c'è una summa di ciò che ho trovato. Ma ci sono alcune province, dove si sa che si sono svolte manifestazioni indoor, ma dove i risultati sono solo ipotesi (tipo quello del Lazio e quello della Campania). Che la Fidal inizi a guardare ai propri affiliati come "utenti" di servizi di cui essa stessa si deve far carico, e non come mucche da mungere. Perfavore.

Commenti? | Jan 26, 2008

Campionati regionali di Stoccolma: botti di inizio anno

Posted by andycop in Mondo Master

Sono rimasto francamente impressionato dai risultati dei Campionati della Regione di Stoccolma Indoor (Stoccolma 20 gennaio). Il giochetto, lo conosciamo ormai tutti: non potendo conoscere lo spessore delle prestazioni ottenute in tutte le categorie, si utilizza come una sorta di caleidoscopio temporale, l'AGC, e si ottengono le prestazioni parametrate ad un giovane virgulto di 20 anni. Orbene, scorrendo i risultati dei Campionati Svedesi, ecco che mi imbatto in un arzillo 92enne che al secolo fa Herbert Liedtke, che si presenta sui 60, sui 200, sui 400: ebbene, quando gli atleti ottengono 100% vuol dire che hanno ottenuto una prestazione simile al record del mondo (il giocattolo AGC si basa come valore precipuo sul record del mondo di ogni singola gara). Risultato: sui 200 Herbert spara un 104,77 (42"74) e sui 60 104,57 (11"97). Sui 400 si avvicina "solo" al record del mondo: 99"12%, pari a 111"96 (che "trasformato" diventa un 43"56 degno di Wariner). Detto questo, è anche vero che esiste un polemica abbastanza radicata, per la quale tali tabelle non sarebbero proprio il massimo della parametrazione. E se la prima voce a sollevare questi dubbi è quella di Vittorio Colò, forse qualche riflessione mi viene da fare (tra l'altro sentivo Colò dire che non era possibile che il suo record del salto in lungo, parametrato ad un ventenne, superasse i 10 mt...). Tornando a Stoccolma, ho trovato un altro super risultato: l'1,54 nel salto in alto di Carl-Erik Sarndal, che, chi legge il nostro sito, ha già conosciuto, essendo l'atleta dell'anno europeo del 2007. Il suo risultato (99,50%) equivale ad un "sotomajorano" 2,44. Oltre il risultato ci sono le sfide tra uomini: ne sottolineo una, alla quale avrei voluto assistere in prima persona: la velocità M70 con Lindqvist, Wennblom e Trondset. Tra 60 e 200 due arrivi al photofinish, con tempi tutti superiori al 92%!. In entambe le circostanze ha vinto Ingvar Lindqvist (8"88 sui 60) ma Lars Wennblom, dall'alto dei suoi 74 anni, ha corso con valori superiori al 95%. Mi preme anche sottolineare le grandi prestazioni del nostro amico inglese Anthony Treacher (impegnato in una querelle internazionale per uno sgarbo subito a Linz), che ha stabilito un ottimo 8"92 nei 60, e 29"03 sui 200. E, più di tutto, 4 vittorie individuali (lui vive in Svezia e gareggia per una società svedese, la IFK Lidingo). Infine registro anche il nuovo record svedese del lancio del peso (13,46) stabilito da Bernhardt Karlsson M75. Nella prossima pagina il ranking dei Campionati Svedesi, con le migliori prestazioni.     

Commenti? | Leggi tutto | Jan 26, 2008
First Page Previous Page Page 133 / 137 (3301 - 3325 of 3408 Total) Next Page Last Page
farmacia online jacono