" />

La Cinquemulini in salita

Posted by linfordbif in Italia
( Fonte Datasport ) Piu' dislivelli, pozzanghere e fango nella Cinquemulini, la classica internazionale di corsa campestre che si svolgera´domenica a San Vittore Olona.

La pista in terra battuta sara' deviata in parte sugli argini del fiume Olona, per 2.620 metri (2 giri per le donne, 4 per gli uomini) con i passaggi in due mulini ad acqua che obbligano gli atleti alla fila indiana. Fra gli uomini il corridore da battere e' l'eritreo Tadese (FOTO), campione del mondo in carica; fra le donne la keniana Korikwiang.

Commenti? | Jan 29, 2008

Italiani Indoor di Prove multiple: il vero vincitore Ŕ Federico Nettuno

Posted by andycop in Italia

foto tratta dal sito della Fanfulla LodigianaNon me ne vogliano i vincitori di tutte le categorie presenti ai Campionati Italiani Indoor disputati nell'ultimo weekend ad Ancona (dagli assoluti, alle promesse, dagli junior agli allievi). Sarà, ma per me il vero vincitore dei Campionati Italiani è stato Federico Nettuno, classe 1975 portacolori della N.A.Fanfulla Lodigiana. In realtà il buon Federico è giunto 5° a circa 440 punti dal vincitore (il carabiniere Franco Luigi Casiean), ma uno sguardo più da vicino alle prestazioni ci fa capire che razza di atleta è questo 32enne lodigiano. Un particolare non trascurabile per un decathleta: è alto solo 1,65, ma nonostante la statura da velocista questo fenomeno può raccontare cose che nessun umano ha mai visto prima (su tutti l'icosathlon, cioè il doppio decathlon di cui è recordman italiano... una mostruosità da disputare in due giorni e partorita dall'insana mente di qualche nordico, in cui sono previste, oltre alle tradizionali prove, i 200hs, i 5000, i 10000, i 3000 siepi, il martello...). Tornando ad Ancona, Federico ha vinto i 60 con un probante 7"22. Ha vinto pure i 1000 con 2'45". Ciò che mi ha impressionato però è stato l'1,80 di alto, ma soprattutto l'8"68 nei 60HS!!! Incredibile Federico, allenatore di sè stesso, e amante alla follia delle prove multiple, per le quali in più occasioni ha denunciato a squarciagola la mancanza di interesse (dolosa) degli organi federali. Spero venga a dire la sua su questo sito (a proposito di contatti esterni, Emanuela Baggiolini ha risposto al mio richiamo via etere di stamattina... vedrò di intervistarla). Ad Ancona, lo spunto di cronaca, Nettuno a parte, è stata l'assenza dell'unico vero interprete italiano: William Frullani, un'eterna speranza che stiamo tutti aspettando (io personalmente pensavo diventasse una sorta di nuovo Plaziat) ma che una serie interminabile di infortuni ha bloccato a ripetizione (almeno, stando al sentito-dire televisivo). Nello specifico, giusto dirlo, questi i titoli assegnati:

  • Campionessa Italiana Assoluta: Francesca Doveri (Esercito) 4236 punti
  • Campionessa Italiana Promesse: Luisa Costa (GS Valsugana) 3739 punti
  • Campionessa Italiana Juniores: Serena Capponcelli (Atl. New Star) 3722 punti
  • Campione Italiano Assoluto e Promesse: Franco Luigi Casiean PM (Carabinieri) 5404 punti.
  • Campione Italiano Juniores: Stefano Combi (Ginn. Monzese) 4889 punti
6 commenti | Jan 28, 2008

Meeting indoor di Saronno: Berti-Rigo tra Luciani e Tobia

Posted by andycop in Italia

Ho appena letto i risultati del meeting indoor di Saronno (tutti i risultati delle indoor li trovare comunque nell'apposita sezione). SARONNO: Effettivamente nelle prime cronache "lombarde" me ne ero un pò dimenticato, ma ecco qui che spunta il terzo incomodo nella sfida lombarda per lo scettro di sprinter più veloce. Parlo dell'ex vedanese (ora Assindustria Sport PadovaLuca Berti-Rigo, che oggi a Saronno ha piazzato un sontuoso 6"90 (6"97 in batteria), inframezzandosi così tra Andrea Luciani (6"79 quest'anno, e 6"88 ieri a Modena), e Stefano Tobia (6"91). La resa dei conti è rimandata a Genova per i Regionali Indoor. Se passate da quelle parti, fermatevi a dare un'occhiata. Sulla sua scia è giunto in batteria il mio amico Max Dentali (Atl. Riccardi), con 7"00. Non conosco le ragioni di questa prestazione (Max vanta anche un podio nei 60 agli italiani assoluti) che per lui non è certo eccezionale. Parlavo proprio oggi con il velocista albanese Arben Makaj, il quale mi ha riferito di un incontro fugace con Max presso il centro sportivo XXV aprile di Milano. In questo veloce tete-a-tete, Max avrebbe rivelato di ottenere in allenamento in tempi sui 6"5 sui 60, che lo avrebbe quindi portato a proiezioni sui 7"... detto-fatto. Sua intenzione sarebbe infatti "girare" sui 6"3, per poter tornare a sua volta sui 6"80, che valgono l'accesso alla finale degli italiani assoluti. Nella medesima gara, in finale anche il patavino Enrico Pra-Floriani è riuscito ad abbattere la barriera dei 7" (6"99). Confermiamo nel frattempo anche il 7"37 di Giancarlo D'Oro, nuovo recrod italiano master M45. Nella prossima news commenteremo anche questo e dello spessore di un risultato ottenuto su una pista tradizionalmente "lenta". Tra le donne domina Manuela Grillo (7"55 e 7"60): di un paio di decimi più lenta rispetto alle uscite di Sordelli e Calì, per ambire al titolo nazionale. Nel lungo Mattia Nuara stacca 7,37 battendo l'emergente Davide Crosta di 10 centimetri. Quarto l'altro mio amico Davide Lorenzini con 6,93 (in una telefonata di venerdì sera mi aveva confermato un discreto stato di forma, ed un risultato superiore ai 7 metri... peccato). Quasi non vedevo un risultatone; quello del carabiniere Carlo Alberto Mainini, 7"96 e 8"05 nei 60 ostacoli. Ed infine super-Pellegrinelli torna con le sue super prestazioni. Lo ricordo per i più distratti: Monica Pellegrinelli, ticinese, quindi Svizzera, classe 1965 è la primatista mondiale dei 60hs, nonchè dei 100hs, nonchè campionessa mondiale master. Se vi par poco... Ultima news, che mi piacerebbe che fosse confermata del diretto interessato, prima di passarla all'ufficializzazione: Giovanni Puggioni ad Iglesias ha corso in 7"16.   

1 commento | Jan 27, 2008

Fidal: cattivi pensieri (obtorto collo), parte prima

Posted by andycop in Italia

Ho avuto indirettamente la conferma che qualcuno che lavora dentro la Fidal arriva ogni tanto a vedere cosa succede da queste parti. Quindi ne approfitto, ma non per criticare e basta: ma per criticare nella speranza che la critica possa essere lo spunto su cui costruire qualcosa. Oggi voglio riflettere sulla gestione dei dati che fa la Fidal. L'Atletica è per antonomasia lo sport dei numeri: classifiche, ranking, liste, all-time, risultati: ogni aspetto di ogni prestazione che va sotto il nome di Atletica nasce forgiato nei numeri ed è definito da numeri. Nel calcio (il più numeroso degli sport...) i numeri sono solo astrazioni (risultati a parte) e tutto il resto è opinabile (fintanto l'atleta più forte è in definitiva qualcosa che va sotto una percezione e non certo un'inquadratura scientifica). Ora, nell'epoca di internet, guardare quello che fanno le altre federazioni è fin troppo facile. Ritornati su quello che fa invece la nostra federazione nella gestione dei database dei risultati, c'è francamente da rimanere inorriditi. Ad oggi, 26 gennaio 2008, nonostante si siano già avute un 30ina di sessioni indoor in giro per l'Italia (più le innumerevoli su strada), non risulta essere presente ancora nessuna classifica, nessun risultato sul sito Ufficiale della Fidal. Provate ad andare in Fidal.it > Statistiche > Vai alle graduatorie-on-line ... Troverete soltanto l'aggiornamento delle classifiche per gli anni 2005-2006-2007. Sconcertante. Cos'è successo nel 2008? Ad oggi, ufficialmente, non si sa nulla. Ora, provate ad andare a vedere le classifiche on-line di Belgio, Francia, Spagna, Inghilterra (solo per citare quelle dove riesco a muovermi comprendendo qualcosa): è aggiornato tutto praticamente ad oggi! Non solo: le tabelle sono dinamiche (non come l'obrobrio che fornisce il sito fidal), e quando si clikka su un risultato o su un atleta, si può conoscere la scheda dell'atleta, la foto, i risultati della manifestazione, il ranking aggiornato, le classifiche aggiornate... TUTTO. In Fidal.it, no, desolatamente, no. Così, per sapere i risultati delle varie manifestazioni, bisogna navigare ore e ore su tutti i siti "istituzionali" regionali della Fidal per raccattare i vari risultati: nella nostra sezione qui a sinistra (risultati) c'è una summa di ciò che ho trovato. Ma ci sono alcune province, dove si sa che si sono svolte manifestazioni indoor, ma dove i risultati sono solo ipotesi (tipo quello del Lazio e quello della Campania). Che la Fidal inizi a guardare ai propri affiliati come "utenti" di servizi di cui essa stessa si deve far carico, e non come mucche da mungere. Perfavore.

Commenti? | Jan 26, 2008

Nelle Montefortiana-Tura vincono vincono Lebid e la Genovese

Posted by linfordbif in Italia

Montefortiana-Tura`: vincono Lebid e la Genovese(Fonte Datasport)   Nella 27.a edizione della Montefortiana-Tura` spiccano l’ucraino Sergey Lebid e l`italiana Bruna Genovese. In campo maschile, sui 10,6 chilometri della gara Lebid ha preceduto il keniano Martin Lel di un solo centesimo. Ottimo terzo, a 15`` dalla coppia di testa, il carabiniere Denis Curzi.

Nella gara femminile stravince la trevigiana Genovese che ha dominato la piu` diretta inseguitrice, Gegia Gualtieri, staccandola di quasi 20 secondi. Terza Stefania Benedetti. (Daniele Biffi)

Commenti? | Jan 22, 2008

Castenedolo indoor: campionati provinciali bresciani

Posted by andycop in Italia
(Andrea Benatti per fidalbrescia.it): mi cito...

PROVINCIALI INDOOR: BRILLANO GELMI E PERINI

60 PIANI: Terremoto nella velocità maschile bresciana: dopo anni di regno, Gianluigi Petrogalli, pur se non affrontato direttamente, perde lo scettro di più veloce della Provincia. Il nuovo “principino” della velocità è Emanuele Gelmi, prodotto del Professor Agostini e della sua società, l’Atl. Vallecamonica. Tra l’altro, scuola che ha come centro nevralgico Darfo Boario Terme, che nel passato aveva visto la “creazione” di atleti da hall of fame (in chiave bresciana) come Walter Comper (tuttora primatista provinciale con 10”4) e Andrea Gnani. Durante i Campionati Provinciali Indoor di Castenedolo, Emanuele Gelmi ha avuto sono un’incertezza, in finale, dove è stato battuto dal mantovano Diego Marani di 1 centesimo (7”04 a 7”05). Titolo provinciale junior comunque per Gelmi, che dà l’impressione di una grande compattezza. Complice un batteria “soft” (corsa in 7”17) che gli ha precluso l’accesso in finale, Gianluigi Petrogalli (Atl. Brescia) si è “accontentato” di vincere la seconda finale con 7”10 facendo proprio il titolo senior. Secondo il redivivo Alberto Gnani (Atl. Vallecamonica) tornato dopo qualche anno di inattività con un signor tempo: 7”13. Nella finale “3”, troviamo la prima promessa bresciana: Luca Carioli (Atl. Brescia) neoacquisto dalla Riccardi di Milano. Per lui un ottimo 7”16, che gli ha consentito di battere, nella medesima gara, Tiziano Amidani e Paolo Loschi (entrambi Atl. Brescia ed entrambi 7”33). Insomma: la creme della velocità bresciana era tutta sui blocchi di partenza (fatta eccezione dei Capriolesi Biffi, Benatti e Makaj). Nelle categorie assolute femminili, troviamo la riconferma della dominatrice della velocità bresciana degli ultimi anni: Michela Tavelli (Atl. Brescia) che con il secondo posto assoluto (lontana la vincitrice, la lecchese Arianna Meles con 7”70) in 7”97 ha vinto il titolo provinciale senior e ha preservato il proprio trono dal tentativo di sorpasso del neo acquisto bresciano Cinzia Nicassio (7”99, ma prima promessa). Terza bresciana, la senior Anna Oneda (Atl. Brescia), 8”54. Tra gli allievi ha vinto l’enfant prodige bergamasco Francesco Ravasio (ricordate l’anno scorso i suoi 300…?) con 7”26 (e 7”25 in batteria). Primo bresciano in finale (dei secondi), Maurizio Anselmini (Virtus Castenedolo) con 7”51. Molto veloce l’allieva milanese Federica Basani, prima con 7”97. Nelle due finali nessuna bresciana presente: curioso pareggio, quindi, spulciando tra le batterie alla ricerca della migliore in provincia, tra Alessandra Neboli (Villanuova ’70) e Agata Bertuzzi (8”47 per entrambe).

Commenti? | Leggi tutto | Jan 21, 2008

Meeting indoor di Ancona: il ritorno di Torrieri e la Canella a 6,53 nel lungo

Posted by andycop in Italia

Da dove comincio? Tanti e tali sono gli spunti del meeting di Ancona, che non saprei come iniziare. Partiamo allora da Marco Torrieri, uno che considero "della classe operaia che va in paradiso". In poche parole uno che si è costruito con il sudore. Il suo 6"75 è di ottima fattura, un buon tentativo sulla strada per ritornare il Torrieri che ben impressionava 3/4 anni fa. In batteria, sulla sua scia un grandissimo Andrea Luciani, che come abbiamo già introdotto nei flash in diretta, ha stampato un mirabolante 6"79. Ma batteria da semifinale di un campionato italiano, con Roberto Donati 6"82, Gavino Dettori 6"93, Gaetano Barone 6"95, e altri due atleti sotto i 7". In batteria ho scorto anche il nome di Gianni Puggioni (M40) che ha corso in 7"18 (decisamente tempo da finale mondiale) e Massimiliano Scarponi (M40) che ha corso in un performante 7"30. La finale (assente Torrieri) ha visto la vittoria di Donati su Luciani (6"82 vs 6"83). Scalpelli terzo con 6"91. Nei 400 torna in pista Enrico Saraceni (M40): 51"16 e Massimiliano Poeta (M35) 51"68 (buoni esordi, direi: con ancora pochissimi allenamenti di velocità nella gambe). Meglio di Poeta l'ottocentista De Bonis (M35) che ha chiuso in 51"62. Gara vinta dal bergamasco colored Juarez Isalbet, unico sotto i 49" (48"89). Nei 1500 maschili vince Troia Daniele in 4'02"50, mentre nell'asta prevale Matteo Rubbiani con 5,10 (stessa misura di Sergio D'Orio... com'è lontano Gibilisco...). Spettacolare lo junior Daniele Greco nel triplo: 15,85. DONNE: non so se sto leggendo bene: ma mi sembra che la CALI' sia proprio ritornata: 7"39 nei 60 dopo un 7"44 in batteria. Quale miglior risposta al 7"40 della Sordelli di ieri?? Nei 400 la bergamasca Marta Milani ottiene un ottimo 54"32. Judit Varga nei 1500 4'20"62 (che è un tempo ragguardevole), mentre nell'alto la MEUTI si riavvicina al 1,90: 1,85. Ma attenzione, attenzione dal salto in lungo femminile: incredibile il 6,53 di Valeria Canella! Risultato che dopo l'era Fiona non si vedeva molto per le pedane italiane. Risultati    

Commenti? | Jan 20, 2008

Terra-Aria di Luciani: 6"79

Posted by andycop in Italia

Edgardo Barcella mi ha appena comunicato del 6"79 del suo compagno di allenamento Andrea Luciani stabilito poco fa ad Ancona in batteria. Miglior tempo del redivivo Torrieri: 6"75. Vedremo più tardi se migliorerà in finale. FINALE: 6"82 per Donati e 6"83 per Luciani. Torrieri non partito. Ecco gli altri SMS ricevuti da Edgardo: "Ritardi vergognosi! Uno scandalo... scrivilo! 58"78 pb per Monachino 400 mt. Markino (Marco Giacinti) per errore messo in ultima batteria senza tempo". Cobra (Enrico Saraceni) 51"16. Max Poeta 51"68. Marta rovetta 8"17 pb 60 metri (allieva)".Altro SMS di Barcella: "De Bonis 51"62 (M35) nei 400 mentre 7"30 e 52"19 di Scarponi. Puggiani (Giovanni Puggioni) mi sembra 7"18". "Markino (Marco Giacinti) 52"38". Nel frattempo ho ricevuto un SMS da Giancarlo D'Oro: "oggi Ferido Fornesi 7"46 a Firenze".

Commenti? | Jan 20, 2008

La rivista Spiridon boccia la FIDAL

Posted by andycop in Italia
Image Hosted by ImageShack.us

Articolo tratto dall'ultimo numero di "Spiridon" 

MA COME CAMBIA LA VITA

Con che panni esce l'atletica italiana dall'imminente letargo 2007? Come per le stagioni non ci sono più le mezze tinte, le sfumature, il bianco ed il nero, il si affermativo né il pollice verso del no. Le medaglie "giapponesi" sono il più abbagliante (ma anche tradente) biglietto da visita. Giovanni Evangelisti, una voce fuori del coro, curiosamente l'atleta più beneficato dell'abbondante ventennio "nebioliano", è stato il più rapido nel denunciare l'isolamento di Howe rispetto alle radici del movimento. In pratica un fiore nel deserto cresciuto spesso a dispetto della volontà federale con l'onorevole compromesso della cogestione dell'ingestibile mother con la condivisione tecnica di Claudio Mazzaufo. E se Schwazer è un prodotto della "llbera repubblica della marcia", riveduta e corretta in salsa Damilano, la Di Martino, tifosa della Cavese, a 29 anni ha prodotto la prima vera stagione di livello internazionale della propria carriera nel salto in alto.

Commenti? | Leggi tutto | Jan 20, 2008

19-01, al Meeting di Modena, Tobia alza la voce

Posted by andycop in Italia

Fondamentalmente sono due i lombardi (residenti) più veloci, e ne abbiamo già parlato e già li conosciamo: Andrea Luciani e Stefano Tobia. La settima scorsa Andrea era stato imperioso dall'alto del suo 6"83 (poi non replicato in finale, sembra per un "rinculo" sul blocco al momento dello sparo in finale), mentre Tobia (10"39 di personale...) non era risucito a Saronno ad abbattere il muro dei 7". Passi che Saronno non è proprio il tempio della velocità, ma il risultato (replicato più o meno nella stessa sessione di gare in finale) aveva lasciato qualche dubbio sulla forma di Stefano. Ieri a Modena (Campionati regionali allievi, junior e promesse open), Tobia ha cominciato ad alzare la voce (e ad abbassare i tempi): 6"91 e 6"93 in batteria. Per Tobia non certo male, anche se la strepitosa forma del 2007 probabilmente lo vorrebbe a tempi attorno a 6"80. Crescerà ancora. A Modena, dietro a lui, la Davide Pelizzoli (7"03 e 7"07) cui manca ancora qualcosina per affermarsi (almeno a livello regionale lombardo)  Il trentino Davide Deimichei è invece mancato in finale (7"12 contro il 7"01 in finale). Negli Allievi doppio 7"12 Edoardo Sangiorgi, e 8"23 negli H di Davide Malpighi. 1,88 di Graselli nell'alto. Lo junior più veloce è stato Andrea Ferranti (7"09), di un centesimo sul mantovano Diego Marani. Ottimo e bravo Davide Felice Radaelli (CUS-fagocitazioni-Milano) nei 60HS: 8"28 e 8"25. Tra le promesse, negli HS 8"33 e 8"34 della Fiamma Gialla Stefano Tedesco. DONNE: Giannotti Federica vince i 60 allieve con 7"90; Martina Balboni ottiene invece un performante 7"76 e 7"77 nella gara riservata alle junior. 7"70 della svizzera Giorgia Candiani tra le promesse. La valtrumplina Sara Balduchelli corre invece in 8"65 negli ostacoli (unica presente). Ma il piatto clou sono stati sicuramente la serie extra dei 60 femminili: migliore Elena Sordelli con 7"40, davanti a Daniela Graglia 7"43. In batteria 7"41 contro 7"45... questione di centimetri.              

Commenti? | Jan 20, 2008

Meeting indoor di Saronno: Tobia non risponde a Luciani

Posted by andycop in Italia

Stamattina l'avevo evocato e oggi ha esordito. Parlo di Stefano Tobia, della Pro Patria Cus Milano (altra fagocitazione della società univeristaria milanese...), che si è espresso su livelli non certo pari a quelli di Andrea Luciani, espressosi ieri in 6"83. Per Tobia prima 7"02 in batteria, poi 7"04 in finale. Diciamo anche che, ad onor del vero, lo Stefano Tobia dei 60 piani non è il Tobia dei 100: nel 2007 ha chiuso in 6"87, ma solo una volta sotto i 6"90. Mentre nei 100 ha corso 6 volte sotto i 10"70, con 4 prestazioni sotto i 10"60 e la punta a 10"39 con +1,2 a Bressanone. Speriamo di vedere lo scontro diretto già a Genova ai regionali indoor. Sempre a Saronno, citiamo il 7"08 di progettuale-talento Pelizzoli, che però nella finale si è fatto battere dal 400ista monzese Valtorta (7"16 per entrambi). Citazione per l'M40 Marco Boggioni: 7"24 e 7"26: nell'anno sabbatico di Mario Longo, se volesse scendere coi master, potrebbe dire la sua. Tra le donne vince la ticinese Barbara Morza con 7"76, precedendo di 2 centesimi Gaia Biella giunta a pari merito con Arianna Meles (7"78). Il delfino (per anni) all'Atletica Lecco di Stefano Longoni, Dennis Lovallo stampa prima sui 60 ostacoli un 8"34 poi 8"36: non male, veramente. Bravo Dennis. Notevole anche l'8"26 nei 60hs allievi di Felice Radaelli. Per finire, nei 60 ostacoli femminili, domina la scena da tempo immemore, la deliziosa ticinese Monica Pellegrinelli, classe 1965, W40 primatista del mondo, che è riuscita a correre anche in questa occasione in 8"86, tenendo poi a bada Lucrezia Savasta (24 anni più giovane di lei) in finale. Tutti i risultati sulla pagina "risultati".  

Commenti? | Jan 13, 2008

Meeting indoor di Ancona: Donati risponde a Luciani

Posted by andycop in Italia

A qualche centinaio di km da Modena, mentre Andrea Luciani correva i 60 metri in 6"83 in batteria, ad Ancona il trentino Roberto Donati pareggiava i conti con un tempo del tutto simile. La differnza è consistita nel "come": ai punti, al momento, meglio Donati, visto il 6"86 in batteria e il 6"83 in finale (tra l'altro, unico atleta sotto i 7"00). Tra le donne prestazioni non certo all'altezza di Modena (Con Sordelli e Marchetti). La vincitrice, Ilaria Giretti, sigla 8"01. Nei 400 femminili vince una allieva: Beatrice Mazza con 59"64 (brava!); buona anche la prova della MF40 Cristina Amigoni (1'03"38). Tra gli uomini vince un altro... allievo con un tempo a dir poco mostruoso: 48"86. Il suo tempo sarebbe virtualmente il neo record italiano (detentore è quel Danilo Bertaggia MM40, che in illo tempore corse in 49"12) se non fosse che l'atleta (Eusebio Haliti) in realtà è... albanese. Dal sito fidalmarche.com informano che il ragazzo si sta naturalizzando. Speriamo avvenga presto. Nel panorama di Ancona, anche la gara "ibrida" dei 1000 metri, vinti rispettivamente da Alessandra Finesso (2'55"56) e da Neri Thomas John (2'31"87). Nel triplo ottimo 15,69 dello junior Daniele Greco. Tutti i risultati di Ancona li trovate nell'apposita pagina risultati.

Commenti? | Jan 13, 2008

Meeting indoor di Modena: sfreccia Andrea Luciani

Posted by andycop in Italia

E' per Andrea Luciani (classe '86) la prima copertina del 2008 indoor: in questo momento l'atleta bergamasco dell'Easy Speed è probabilmente l'atleta lombardo più veloce insieme a Stefano Tobia (ieri assente). La cosa più bella l'ha fatta sicuramente in batteria dei 60mt, con 6"83. Nella finale "solo" 6"91, che gli ha permesso di domare di un centesimo Gavino Dettori (classe '87). Cito anche il mio co-provinciale Gianluigi Petrogalli (7"10) che sembra aver trovato la strada per tornare sotto la barriera dei 7". Tra i partecipanti anche il forumista "markino", al secolo Marco Giacinti: 7"31 e 7"32 nelle due prove disputate. Negli ostacoli alti buon 8"06 di Nicola Comencini, mentre il neo primatista italiano allievi di salto in alto, il veneto Giuseppe Carollo, si è "fermato" a 2,09 (meno di un mese fa saltò il nuovo limite a 2,11), sbagliando i 3 tentativi a 2,12. Tra le donne è Elena Sordelli a vincere con un ottimo 7"44, distanziando di 4 centesimi Erica Marchetti. Fra gli ostacoli vince la sempiterna Margherita Nicolussi (1976) con 8"66. Tutti i risultati li trovate nell'apposita sezione "risultati" . E nel frattempo, con oggi, sono 10 giorni che NON si conoscono i risultati del Meeting indoor di Mantova... quelli di Modena dopo poche ore erano già visibili...

4 commenti | Jan 13, 2008

Campaccio spettacolo: ancora Soi su Lebid

Posted by andycop in Italia

uomini campaccioE' stata uno dei Campacci più appassionanti degli ultimi anni, quello che si è tenuto sabato 5 gennaio sui campi di San Giorgio sul Legnano (MI).

A prevalere il "nuovo" giovane keniano Edwin Soi, già vincitore meno di una settimana fa, della BoClassic di Bolzano. La gara, nonostante le difficoltà del terreno reso particolarmente difficoltoso dalle recenti nevicate, si è risolto solo negli ultimi 500 metri, quando si è assisititi ad un batti e ribatti tra il favorito e plurivinctore della gara, Sergei Lebid, e Soi. (foto fidal.it) <segue>

Commenti? | Leggi tutto | Jan 05, 2008

Bruna Genovese: Boston in vista di Pechino

Posted by linfordbif in Italia

Genovese: `A Boston prima dei Giochi di Pechino`

Bruna Genovese farà la sua ultima maratona a Boston, prima delle Olimpiadi di Pechino.

`Ero indecisa tra Boston e Londra - dice la Genovese - Alla fine ho scelto la maratona di cui ho i ricordi migliori: Boston, con i suoi saliscendi, e` una gara dura ma adatta alle mie caratteristiche.

Lì capirò quanto posso valere in prospettiva olimpica.  <segue>

Commenti? | Leggi tutto | Dec 30, 2007

Renato Tammaro premiato da Tettamanzi

Posted by andycop in Italia

Image

Apprendo dal sito www.fidalmilano.it, di un prestigioso premio attribuito ad un uomo molto importante per l'atletica lombarda.

Il suo nome è Renato Tammaro, il padre dell'Atletica Riccardi di Milano. 

Al “Natale degli sportivi 2007”, durante il tradizionale incontro augurale tra l'Arcivescovo di Milano e il mondo dello sport, ha incontrato anche esponenti dell'Atletica Leggera.

Il tema di quest’anno erano i “capitani coraggiosi” e tante sono state le testimonianze personali di campioni che hanno esercitato questo ruolo sia nello sport che nella loro vita e nella loro famiglia... (segue)

Commenti? | Leggi tutto | Dec 18, 2007

Giuseppe Carollo: record italiano allievi nel salto in alto, con 2,11

Posted by andycop in Italia

CAROLLO Giuseppe - fidalveneto

Gli sono bastati solo sei salti per issarsi sul tetto d'Italia, spingendosi laddove nessun ragazzo si era mai spinto prima.

All’impianto indoor dell’ex Foro Boario a Padova, aperto nel 2007, il saltatore in alto vicentino Giuseppe Carollo ha saltato 2.11, nuovo record italiano allievi al coperto.

Il precedente primato apparteneva a tre atleti, Giordano Ferrari, e a due mostri sacri della specialità italiana, quali Luca Toso e Fabrizio Borellini, che avevano ottenuto 2.10 tra il 1973 e il 1985.

Dicevamo: sei salti per ottenere il nuovo primato. Carollo è entrato in gara a 1.82, superando senza falli anche 1.90, 1.95, 2.03 e 2.08 e appunto, 2,11.

Commenti? | Leggi tutto | Dec 18, 2007

A Padova giÓ in pista!!!

Posted by andycop in Italia

indoor padova1

A Padova non si può dire che si perdi tempo!

Infatti in due settimane, risulatano già messe in archivio due riunioni indoor... incredibile per i tempi che corrono. E così la prima riunione indoor, soprattutto rivolta ai master, ha visto anche un record italiano: quello di Marco Segatel nel salto in alto M45 con 1,95.

Nei 60 metri sfreccia il giovane Junior Rocco Bolgan (7"11) della Biotekna. Nella gara più veloce, spazio anche ad un manipolo di master: l'M50 Carniato Gabriele corre in 7"88, mentre 7"93 per l'M45 Domenico Furia. Carniato ottiene poi 1'04"39 sui 400. La gara è vinta dallo Junior Baron Enrico con 54"56: non siamo ancora in presenza di tempi di eccellenza (segue...)

 

Commenti? | Leggi tutto | Dec 18, 2007

Howe promosso cittadino onorario di Anguillara

Posted by linfordbif in Italia
Howe promosso cittadino onorario di Anguillara  
L`atleta azzurro ricevera` ad Anguillara (RM) il conferimento della cittadinanza onoraria.
Argento nel salto in lungo ai Mondiali 2007 di Osaka con 8.47 (record italiano),
Howe e` nato a Los Angeles (California, Usa) il 12 maggio 1985, ma e` cresciuto a Rieti, dove si era trasferita la madre, l’ex ostacolista Renee Felton. (segue..)
Commenti? | Leggi tutto | Dec 18, 2007
First Page Previous Page Page 40 / 40 (976 - 994 of 994 Total)
farmacia online jacono