" />

News

Mondo Master: Mondiali Master: Italia 38 volte sul podio

Posted by linfordbif on Mar 28, 2017 - 04:30 PM | Letta: 142 volte


 La staffetta italiana 4x200 W40

 

A Daegu, in Corea del Sud, la spedizione azzurra conquista 10 ori, 18 argenti e 10 bronzi nella rassegna iridata “over 35” in sala 


di Luca Cassai

Una trasferta ricca di successi per gli “over 35” dell’atletica italiana, che rientrano dai Campionati Mondiali Master Indoor di Daegu (Corea del Sud) con 10 ori, 18 argenti, 10 bronzi e un totale di 38 medaglie. Tanti piazzamenti sul podio quanti erano gli atleti: infatti complessivamente 38 azzurri hanno preso il via nella rassegna per una partecipazione ridotta, ma qualificata. L’ultima giornata vede l’Italia Master Team ancora protagonista, con ben undici metalli. Arriva il terzo oro individuale di Simona Prunea (Gs Orecchiella Garfagnana), l’italiana più vincente in questa edizione, davanti a tutte anche nei 1500 W45 in 5:19.34. E pensare che la mezzofondista di origine romena, che vive sull’Appennino bolognese a Castiglione dei Pepoli, ha iniziato l’attività agonistica meno di quattro anni fa. Nella stessa gara, però al maschile, ritorna sul trono iridato Giovanni Finielli (Gs Tortellini Voltan Martellago), stavolta in sala. Il ragusano di Scicli prevale tra gli M65 con 5:10.91, mentre nel 2015 era stato autore di una doppietta all’aperto con l’urrà anche sugli 800 metri. Primo titolo mondiale per Claudio Faraoni (Atl. Di Marco Sport), romano di Manziana che fa suo l’oro nella mezza maratona M55 in 1h19:50, dopo il bronzo nel cross abbinato al secondo posto a squadre.

Cinque invece gli argenti nella sessione conclusiva di gare. Sui 400 metri W40 ancora una prova maiuscola di Emanuela Baggiolini, preceduta di appena otto centesimi dalla francese Carine Legendre (59.97), ma la varesina del Cus Cagliari riesce a cogliere un’altra migliore prestazione italiana SF45 con 1:00.05 che si aggiunge a quella sulla doppia distanza.

   

Per la mezzofondista Chiara Gallorini (Track & Field Master Grosseto) il conto delle medaglie individuali sale a tre: seconda in 5:09.53 sui 1500 W40, come nei 3000 metri, e nel cross si era messa al collo la medaglia d’oro. La gara dei 400 M65 si chiude con due italiani sul podio: Mario Soru (Atl. Selargius), argento in 1:00.04, e Vincenzo Felicetti (Fiamma Atl. Catanzaro), bronzo con 1:00.49. Entrambi poi festeggiano il secondo posto della staffetta 4x200 M65 in 1:55.13, rispettivamente nella prima e ultima frazione, con quelle centrali affidate a Renato Goretti (Track & Field Master Grosseto) e Giovanni Finielli. Sulla pedana del triplo M45, il brindisino Stefano Tarì (Atl. Amatori Acquaviva) con 13,16 ha sempre l’argento saldamente in mano e si arrende soltanto al fuoriclasse svedese Mattias Sunneborn (13,59). Gli altri due bronzi vanno al partenopeo Filippo Torre (Csal Florentia Napoli), 1:16.90 sui 400 M75, e alla staffetta 4x200 W40 con Emanuela Baggiolini, Cristina Gallì (Atl. Virtus Castenedolo), Chiara Gallorini e Simona Prunea (Gs Orecchiella Garfagnana) in 1:58.80.

In precedenza, nella penultima giornata, cinque medaglie ad impreziosire il bilancio. L’altoatesino Thomas Oberhofer (Südtirol Team Club), medico ortopedico di professione, si laurea campione mondiale dei 60 ostacoli M50 in 8.69, a un solo centesimo dalla sua migliore prestazione italiana, e fa il bis del titolo iridato vinto all’aperto sui 100hs nel 2015. Al femminile, Natalia Marcenco (Aristide Coin Venezia 1949) sale di nuovo sul gradino più alto del podio con 1h00:55 nei 10 chilometri di marcia su strada, per il suo secondo oro di questa edizione. Brillano anche gli uomini specialisti del tacco e punta: il catanese Walter Arena (Atl. Biotekna Marcon) si aggiudica un altro argento M50 con 47:26 che vale il primato nazionale di categoria.

Bronzo individuale nei 10 chilometri di marcia M35 in 48:14 per Francesco Scafuro (Track & Field Master Grosseto), che porta all’argento la squadra insieme a Igor Sapunov (Aristide Coin Venezia 1949) e al compagno di club Gennaro De Lello. Alla fine la società italiana che vince il maggior numero di medaglie è la Track & Field Master Grosseto, undici volte sul podio con 1 oro, 8 argenti e 2 bronzi.

Stabiliti altri sette record mondiali: a realizzarli sono l’ucraino Oleg Fedorko (1,74 nell’alto M60), il tedesco Roland Groger (51.73 sui 400 M50), gli statunitensi Bob Lida (1:10.20 nei 400 M80) e Kathryn Martin (5:25.29 nei 1500 W65), l’olandese Hans Smeets (1500 M70 in 4:59.62), l’australiana Jeanette Flynn (1:10.34 sui 400 W65) e la staffetta 4x200 M65 degli Stati Uniti (Charles Allie, Charles Powell, Thaddeus Wilson, Bill Collins) in 1:48.58, mentre ieri tre primati del mondo che portano la firma dei tedeschi Klemens Grissmer (4637 nel pentathlon M65) e Gudrun Mellmann (14,34 nel martello con maniglia corta W75) e della britannica Jane Horder (9.90 sui 60 ostacoli W60). La rassegna iridata “over 35” in sala tornerà nel 2019 a Torun (Polonia), ma in questa stagione ci saranno gli Europei all’aperto di Aarhus in Danimarca (27 luglio-6 agosto), in attesa degli Europei Master 2019 che si svolgeranno in Italia (5-15 settembre) a Jesolo, Caorle ed Eraclea, nella provincia di Venezia. Cliccando sul link sottostante è possibile consultare il medagliere con i risultati di tutti gli atleti italiani ai Mondiali Master Indoor 2017.

MEDAGLIERE E RISULTATI DEGLI ATLETI ITALIANI
RISULTATI/Results
TUTTE LE NOTIZIE/News

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

 


Una parte dell'Italia Master Team a Daegu


 

Only logged in users are allowed to comment. register/log in

 
farmacia online jacono