" />

News

Italia: Locatelli: ''Grazie Donato, senatore tra i giovani''

Posted by linfordbif on Mar 07, 2017 - 09:19 AM | Letta: 114 volte

Sull'aereo di ritorno da Belgrado scatta l'applauso di tutti i passeggeri a bordo quando dalla cabina di comando parte il saluto e il ringraziamento per l'impresa di Fabrizio Donato agli Europei Indoor"L'applauso glielo faccio anche io - esordisce Elio Locatelli, il Direttore Tecnico dell'Alto Livello - per l'uomo, l'atleta e il capitano che ancora una volta ha dimostrato di essere. Un vero senatore nel cuore di una Nazionale piena di volti giovani". Anche per il DT Locatelli questo era un ritorno in azzurro dopo l'ultima esperienza nello stesso ruolo agli Europei di Helsinki 1994. "In squadra ho respirato una bella atmosfera con rispetto e consapevolezza del contesto in cui ci si trovava. Questo è un buon segnale".

Detto dell'argento di Donato, una riflessione su alcune aspettative della vigilia che hanno purtroppo avuto riscontri meno convincenti. "Nello sport non ci può essere mai nulla di scontato. I ranking sono facilmente ribaltabili nel confronto diretto. E così su tre lunghisti al top delle graduatorie 2017, in finale è andato il più giovane, Randazzo, che aveva come obiettivo primario quello di superare la qualificazione. Howe è un atleta che sta facendo un percorso di rigenerazione con Donato. Dopo tanto tempo, vedere recuperato un campione come lui è qualcosa di molto significativo. Il talento e le grandi qualità di Jacobs sono fuori discussione, ma ancora in fase di costruzione sotto la guida di Camossi. In questo senso, stiamo mettendo a punto un progetto dedicato proprio ai salti in estensione". Di cosa si tratta? "Creare un gruppo di atleti in un polo dedicato come Castelporziano dove possano allenarsi stabilmente insieme e confrontarsi anche con l'esperienza e la sensibilità tecnica di due big come Camossi e Donato. E' un progetto in cui contiamo di poter includere presto anche qualche saltatrice".          

Torniamo da Belgrado con una medaglia e otto atleti in finale. Risultati che si collocano ai piani bassi nella storia della partecipazione azzurra agli Euroindoor: era dall'edizione di Madrid 2005 che non si registrava un bottino del genere in termini di medaglie e punti. "Ovviamente non è abbastanza ed è chiaro che ci sia un grande lavoro da fare. Con la 4x400 femminile l'obiettivo più alla nostra portata era il bronzo, ma per salire sul podio sarebbe servito un crono non lontanissimo dal record italiano (3:31.99 nel 2014, ndr) e che tutte le atlete schierate si esprimessero al livello del loro massimo stagionale come Ayomide Folorunso in quarta frazione. Sul rettilineo dello sprint, per ragioni diverse, non abbiamo visto le cose migliori di cui sono capaci i velocisti che abbiamo messo in pista. Mi piace sottolineare, invece, l'en plein del mezzofondo perché quattro convocati su quattro hanno raggiunto un piazzamento tra i primi otto d'Europa (Viola, Razine e Crippa nei 3000 e Bouih nei 1500, ndr). La Viola è un'atleta ritrovata e a Belgrado ha centrato la terza finale consecutiva al terzo Europeo Indoor in carriera, stavolta anche con il personale. Come lei, ha fatto la sua migliore gara di sempre l'eptatleta Simone Cairoli, mentre in altri tre casi è arrivato lo stagionale. Uno di questi è quello di Silvano Chesani che si è fatto trovare pronto con una qualificazione impeccabile, ma che in finale ha forse pagato la zavorra di qualche errore di troppo alle quote inferiori.

A proposito di giovani, una menzione anche per l'altro altista Falocchi, vent'anni, non aveva mai fatto nemmeno una Nazionale under e, all'esordio assoluto, non ha comunque sfigurato".

Quali programmi per l'imminente futuro nell'anno dei Mondiali di Londra? 
"Questo mese sono già in calendario diversi raduni: la marcia e i lanci a Tirrenia, mezzofondo a Grosseto, velocità e salti in estensione a Formia dove ad inizio aprile saranno convocati anche gli astisti sotto la supervisione di Vitaly Petrov, uno dei quattro esperti internazionali (gli altri sono Antunez, Ritzdorf e Goldmann, ndr) con cui abbiamo avviato una collaborazione per supportare atleti e tecnici personali. Anche questa è la strada che intendiamo seguire nell'avvicinamento ai Mondiali dove contiamo di poter recuperare azzurri, in primis i nostri saltatori in alto, che hanno le carte in regola per essere protagonisti".

DONATO NO LIMITS! - Fabrizio Donato sorride, scherza, la sua medaglia d'argento è al sicuro in una tasca del giubbotto blu con la scritta Italia; nell'altra c'è il cronometro. Tra poche ore andrà a fare compagnia alle altre quattro della collezione su una bacheca personale che è già storia dell'atletica italiana. "Stanotte l'ho tenuta lì vicino a me sul comodino - racconta il triplista -. Ieri è stato fantastico, ma oggi è già un altro giorno. E' il lunedì della mia 27esima settimana di preparazione, nei prossimi giorni solo rigenerazione, ma non ho mai lavorato così tanto come in questi mesi: 10 allenamenti a settimana, riposo sabato e domenica. Il weekend lasciamolo alla famiglia: mia moglie Patrizia e le mie bambine Greta e Viola sono la mia vita". Sul suo telefono, però, scorre un'immagine: è quella dello stacco del salto a 17,13 che l'ha proiettato sul podio agli Euroindoor: "Accidenti, ci ho lasciato 20,2 centimetri! Caro Evora, stavolta ti è andata bene...". Instancabile, inarrestabile, infinito? "Ormai ci sono due parole che ho fatto diventare il mio motto: "No Limits". Se a 40 anni sono ancora qui è perché sento di poter avere come atleta ancora ambizioni di un certo livello. E poi ora sto vivendo questa esperienza come coach di Andrew (Howe, ndr). Il nostro è uno "shock training", nel senso che l'allenamento non deve essere mai monotono, ma una scossa continua. Una sfida che ho accettato e che personalmente mi sta dando tantissimo!".

XXXIV CAMPIONATI EUROPEI INDOOR - BELGRADO 2017

MEDAGLIE:
ARGENTO (1)
2. Fabrizio Donato (triplo) 17,13 finale, 16,70 qual.

ALTRI FINALISTI (7)
4. 4x400m femminile (Lucia Pasquale, Maria Enrica Spacca, Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso) 3:32.87
6. Marouan Razine (3000m) 8:04.19 finale, 7:55.17 batt.
6. Silvano Chesani (alto) 2,27 finale, 2,28 qual.
7. Yeman Crippa (3000m) 8:05.63 finale, 7:59.76 batt.
7. Filippo Randazzo (lungo) 7,77 finale, 7,89 qual.
7. Giulia Viola (3000m) 8:56.19 PB finale, 8:57.86 batt.
8. Yassin Bouih (1500m) 3:47.95 finale, 3:44.67 batt.

PRIMATI PERSONALI
Simone Cairoli 5841 (eptathlon); 7,55 (lungo); 4,60 (asta)
Giulia Viola 8:56.19 (3000m)

ALTRI PRIMATI STAGIONALI
Silvano Chesani 2,28 (alto)
Fabrizio Donato 17,13 (triplo)
Simone Cairoli 8.31 (60hs)
Gloria Hooper 7.34 (60m)


 

Only logged in users are allowed to comment. register/log in

 
farmacia online jacono